pubblicità

Legame tra Manfredi e Scauri nel documentario targato Rai

Il documentario, scritto e diretto da Luca Manfredi, celebrerà il centenario della nascita di Nino Manfredi

Nino Manfredi

Scauri era il luogo in cui Nino Manfredi si rigenerava, trascorrendovi lunghi periodi dell’anno, prediligendo i mesi estivi. Il legame tra Manfredi e Scauri raggiungerà il grande pubblico nel documentario targato Rai e Sky. Nel giorno del suo compleanno, nell’anno del centenario dalla sua nascita, Rai Documentari dedica a Nino Manfredi un ritratto intimo e affettuoso.

Il Comune di Minturno ha patrocinato la realizzazione del documentario Uno, nessuno, cento Nino, prodotto da Ruvido Produzioni, Rai Documentari, Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con Sky Arte e Duque Italia.

Perché Nino Manfredi scelse proprio Scauri come luogo in cui trascorrere momenti di tranquillità?

A raccontarlo è stato il figlio Luca nel corso della presentazione del documentario. «Il merito per cui siamo finiti a Scauri è stato di Alberto Sordi. Aveva una villa a Formia e convinse mio padre a prendere una casa in zona per trascorrere le vacanze insieme». Sordi si trasferì poco dopo a Castiglioncello. Manfredi ormai era affezionato a Scauri. Dalla terrazza della sua casa di Monte d’Oro si poteva ammirare il Golfo di Gaeta e la spiaggia dei sassolini.

«A Scauri Manfredi girava per il paese e aveva una vita di quotidianità sincera – ha raccontato il Sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli –. Questa forse è stata la motivazione principale dell’affetto che la comunità minturnese ha sempre nutrito per Manfredi, tanto da conferirgli la cittadinanza onoraria».

Quando Manfredi portò Scauri al Festival di Cannes

A confermare il legame tra Manfredi e Scauri è il figlio Luca. «Mio padre era molto affezionato a quei luoghi. Decise di ambientarvi una delle scene più importanti del film Per grazia ricevuta (1971, premiato come miglior opera prima al 24º Festival di Cannes, ndr). In particolare la scena in cui il protagonista, Benedetto Parisi, tenta il suicidio gettandosi dalla montagna. Questa scena è stata girata sul Monte d’Oro».

Il Sindaco di Minturno ha evidenziato come quella scena così forte emotivamente abbia fotografato dei luoghi più belli di Scauri. E a portato alla ribalta del cinema internazionale fu proprio la produzione di Manfredi.

Il documentario Uno, nessuno, cento Nino è arricchito da testimonianze di amici, registi e colleghi. Interverranno, tra gli altri, Elio Germano, Edoardo Leo, Massimo Ghini, Nancy Brilli. La realizzazione dell’opera è stata possibile anche grazie ai numerosi filmini della famiglia Manfredi. Saranno proprio questi a testimoniare il legame tra Manfredi e Scauri.

Uno, nessuno, cento Nino andrà in onda lunedì 22 marzo alle 21.25 su Rai2 e alle 21.15 su SkyArte.

Il documentario sarà disponibile anche sulla piattaforma ondemand Raiplay.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: