pubblicità

La saga dei Florio continua, a breve in libreria il volume conclusivo

Uscirà in libreria il prossimo 24 maggio L’inverno dei Leoni, secondo e ultimo romanzo della saga letteraria sulla famiglia Florio. Il primo libro, I Leoni di Sicilia, è stato pubblicato nel 2019. La prima pubblicazione ha dato fama mondiale all’autrice Stefania Auci, la quale ha visto la sua opera tradotta in più di 30 Paesi.

Alla base del successo vi è stata senz’altro l’abilità della scrittrice nel ricostruire le vicende di una vera e propria epopea familiare attraverso un minuzioso percorso di ricerca in biblioteche, dimore e corrispondenze private. Inoltre ogni capitolo è introdotto da una puntuale nota storica che consente al lettore di comprendere alcuni passaggi importanti della narrazione, creando un sapiente intreccio tra vicende private ed venti storici.

Una storia di ambizione e duro lavoro

Nel 1799 i fratelli Florio decidono di lasciare Bagnara Calabra per raggiungere Palermo, importante punto di transito di prodotti provenienti da paesi esotici e lontani. Paolo e Ignazio danno inizio alla loro scalata sociale partendo da una piccola e umile bottega di spezie. Questa diventerà la più fornita del capoluogo siciliano. Con il passare degli anni e delle generazioni, i Florio si dedicano a diverse attività: dal commercio dello zolfo, alla produzione di pregiato Marsala, fino alla creazione di un innovativo metodo di conservazione del tonno sull’isola di Favignana.

Dei lavoratori instancabili e ambiziosi dunque i Florio, i quali si riflettono pienamente nel proverbio siciliano che apre il primo capitolo del romanzo: «Cu manìa ‘un pinìa». Chi si dà da fare non patisce.

Ma le ricchezze accumulate durante anni di lavoro sembrano non bastare mai. La Palermo aristocratica e altoborghese li invidia, ma allo stesso tempo li disprezza. Nonostante i Florio abbiano ormai uno stile di vita da nobili, non gli si perdona infatti la mancata appartenenza ad un antico lignaggio. Essi sembrano essere destinati alle etichette di «portarobbe» e «pidocchi arricchiti».  

Le umiliazioni generate da tali pregiudizi sono la causa di una rabbia che i protagonisti riescono a trasformare in continua spinta al progresso e al cambiamento. Anche a costo di mettere a rischio i rapporti personali.

Cosa aspettarsi dal secondo romanzo?    

Tra il 2020 e il 2021, Stefania Auci ha rilasciato numerose interviste in cui sono emerse alcune coordinate generali riguardanti la stesura de L’inverno dei Leoni. L’autrice ha affermato che la scrittura del secondo volume si è rivelata maggiormente faticosa e complessa rispetto a quella del primo; questo perché la storia sarà più lunga, con una trama più articolata e ricca di personaggi. Anche a livello di ambientazioni la Palermo ottocentesca sembra non essere più lo scenario predominante. Si spazierà, infatti, dall’Italia all’Europa seguendo l’inarrestabile ascesa della famiglia Florio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: